Contatore visite
Hit Counter

Home Page

Storia   sul  Martirio  del  Santo

 

Per  quanto  riguarda la storia sul martirio di San Giuliano

dobbiamo  riferirci  alla Passio  del Santo , la  memoria della Passio  del Martirio  che  qui elencheremo  sarà  quella tratta  dal Libro    Memorie  Istoriche Massimamente  Sacre  della Città  di Sora   raccolte  dal  Padre Francesco Tuzi  della Compagnia  di Gesù nell’ anno 1727. Fu  Giuliano  nativo  della  Dalmazia   a  quel tempo sotto  il dominio  romano , giovane e nobile di linguaggio e di bel aspetto , giunto in Italia   incontrò una truppa   di  soldati di  Daciano (Proconsole  della  Città  di  Sora)  nei  pressi di Anagni  e li  salutò con  queste parole   La  Pace sia  con Voi , o  Fratelli “ , per questo  Saluto  venne subito sospettato che fosse Cristiano, e venne subito interrogato, per vedere  chi  fosse e a quale religione appartenesse. Io  sono Cristiano e chiunque voglio   esortare  di abbandonare  il Culto dei Demoni sotto sembianza di Idoli ,e di adorare invece il Vero  Dio e suo Figliolo Gesù Cristo  . La risposta  dei Soldati non si fece attendere subito  , e presero Giuliano lo incatenarono per condurlo a Sora. Gli  schiaffi , le villanie , ingiurie , e percosse  non si fecero aspettare verso Giuliano, per i Romani era un istigatore , veniva a turbare  l’ordine dell’Impero Romano , e quindi meritava qualcosa di più la Flagellazione . Questa Flagellazione per il Tuzi avvenne nei  pressi del Fiume  Fibreno  , a quel tempo esisteva  una strada chiamata la Via Latina  che  si snodava da Roma a  Napoli  e aveva varie diramazioni per giungere a Sora , attraverso alcune ricerche  che il sottoscritto  a eseguito metto  davanti ai vostri occhi una cartina del XVII secolo che porta in evidenza  le parole del Tuzi.

 

La  Via  Latina  del XVII  Secolo

 

 

 Qualcuno  dirà  quale  sarà  la strada  giusta  per arrivare a  Sora   partendo  dalla città di Anagni . Ricostruendo e facendo un resoconto della situazione  abbiamo  che la Tappa del percorso si apre per prima con ,  la Città di Anagni , poi  Ferentinum (Ferrentino), poi la Città di Veroli , da quest’ultima partono due diramazioni che passano e attraversano il  Fiume Mola , una strada  ci  condurrà all’Isola                                                              di Boncompagni (oggi  Isola del Liri) , l’altra strada ci  condurrà direttamente  alla Città di Sora  . Durante il cammino  , Giuliano  supplicava Dio che gli somministrasse  forza dal principio fino alla fine  del suo combattimento , Dio lo esaudì subito con una voce dal cielo dicendogli << non temere Giuliano io ti assisterò e ti darò fortezza per combattere virilmente e  gloriosamente >> giunti  a Sora  i soldati lo presentarono al Proconsole Daciano , il quale aveva il suo Palazzo dove ora c’è il  Duomo

                                                                                             Duomo  agli inizi del 700

                                                                     

  ordinò subito che fosse rinchiuso in un orrendo carcere denominato le Tre Torri . Qui fu  lasciato per sette  lunghi giorni  senza cibo e bevande , alla fine del settimo giorno , il proconsole ordinò che fosse portato davanti alla sua presenza  , i soldati pensarono di trovare un cadavere in avanzata putrefazione, ma questo non accadde in quanto trovarono Giuliano  pieno di vita con una gioia sul volto e con gli occhi che brillavano di una luce celestiale , erano gli effetti della divina  provvidenza  insieme al coro degli Angeli che avevano visitato e aiutato il giovane dalmata . Il Proconsole iniziò così a interrogare  il giovane  Giuliano dicendogli :  non ti vergogni tu di  aderire  ad un Reo Crocifisso e di appartenere e seguire la sua abominevole setta , rispose  Giuliano :  per la Santissima Religione  che tu falsamente chiami abominevole setta , eccomi pronto a dar la vita più tosto che venerare i tuoi falsi Dei , e veri Demoni , ne temo d’incorrere la disgrazia di Cesare per essere fedele a Dio e al Suo Figliolo Gesu’ Cristo per Sua immensa carità e per nostra comune salute. A tali voci  il Proconsole pieno di rabbia  comandò che fosse prima percosso con pugni  e poi fosse steso sulla catasta ,ma  Giuliano attraverso le torture che subiva con le sue suppliche a Dio  riuscì a lanciare ai presenti  un messaggio …..ravvedetevi , o Fratelli    vogliate riporre le  vostre speranze  in quegli Idoli , che voi stessi con le vostre mani avete fabbricato , adorate  quel Dio , che da niente ha creato il cielo e la terra . Quelle parole furono così efficaci che molte delle persone circostanti iniziarono a  gridare il nome di Giuliano , i soldati visto ciò lo portarono subito in carcere . La mattina seguente Giuliano fù di nuovo interrogato da il Proconsole Daciano , ma  il giovane Dalmata  restò fermo sui suoi passi , a tale risposta   Daciano comandò che fosse torturato con l’Eculeo . In quel momento le mani dei soldati che dovevano trucidare il corpo con l’eculeo si bloccarono e tutti rimasero meravigliati  gridando al Miracolo . Ora mentre il Miracolo faceva il suo effetto sui soldati , da lontano arriva  un messo a cavallo che porta la notizia che il Tempio di Serapide  era crollato , la statua che rappresentava il Tempio si era frantumata e ridotta in polvere , tutti  erano rimasti meravigliati , incantati , e la vergogna  ricopri il viso del Proconsole , e le persone attorno a grande inno gridavano il nome di Giuliano . Il Proconsole infuriato  pronunziò l’orribile sentenza : Giuliano Mago della setta cristiana , disprezzatore degli Idoli ,e ribelle a Cesare  sia portato alle rovine del Tempio e sia decapitato . Portato davanti alle rovine del Tempio , mentre il carnefice si accingeva  a preparare la scure  e si accingeva all’ultimo corpo, il Santo Martire piegò a terra le ginocchia  e fece a Dio questa memorabile orazione    O  Dio d’infinita clemenza io vi ringrazio , che concediate a me immeritevole un esito si nobile della vita, io vi supplico che con questo spargimento del mio sangue mi lavate cosi possa giungere alla Beatitudine del Vostro Regno . Ricevete vi prego in pace lo Spirito  Mio ,e degnatevi per vostra immensa misericordia  di ricordarvi di tutti quelli che ad onore del Vostro Santo   nome faranno memoria del Martirio Mio .”Terminata l’orazione Giuliano sentì una voce da Cielo che lo assicurava e che era stato esaudito e che lo invitava al possesso dell’eterna Gloria , in quel momento il carnefice gli troncò la testa e l’anima volò via alla promessa beatitudine , fu seppellito in un luogo vicino il Tempio di Serapide  dove  oggi esiste una Chiesa dedicata  al giovane Dalmata  , il Martirio di Giuliano avvenne il 27 Gennaio 161  sotto l’Imperatore Antonino.